All contents in text and images © 2019 Giulia Berra 

Please do not reproduce anything without Giulia Berra's expressed written consent.

No animal has suffered for artistic purposes.

Goodesign 2015 | The natural Circle

Site specific installation for Goodesign 2015 - The Natural Circle (collateral event for Milan Design Week), Cascina Cuccagna, Milan

The event has been conceived and organized by Best Up and Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna and is curated by Officina Temporanea

Photos by Giulia Berra and Piermario Ruggeri

MADE OF SILK, pen and silk embroidery on rice paper, 60 elements, 17x23 cm per element, unsettled dimensions, 2011-2015

CAGES, wood, glue, vitrified exuviae of cicada, 40 elements, unsettled dimensions, 2012-2014-2015 

 

Goodesign – The natural circle is part of the dialogue between nature and technology, through a poetic and creative vision. The exhibition highlights good examples that show how design has a decisive role in spreading positive models and forms of behaviour: redesigning industrial processes in an eco-compatible way through the use of technology with a low environmental impact, introducing product life-cycles without producing waste and rubbish, using recyclable materials and components, producing long-lasting objects that can be dismantled and managing re-use.

On the perches of the cages, cicadas vegetate as golden shellfish or songbirds. Silence reigns. Why are the cicadas not singing? They are not here, they have flown away. In prison there are only the remains. After 4 years as larvae, made strong by a life underground, they dug holes in the ground, clung to let the exoskeleton harden, which protected their new form: they broke the outer casing, tautened their new wings, sprinkled with new sap. They fled to songs of love, spreading their voice and their offspring in the sun of the gilded vegetation.

Installazioni site specific per Goodesign 2015 - The natural Circle (Fuorisalone 2015)

Cascina Cuccagna, Milano

The natural Circle è un evento ideato e organizzato da Best Up con Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna e curato da Officina Temporanea 

Foto di Giulia Berra e Piermario Ruggeri

GABBIE, legno, corda, colla, exuviae vetrificate di cicala, dimensioni variabili, 2012-2014-2015

MADE OF SILK, penna bic e ricamo in seta su carta di riso, 60 elementi 17x23 cm cad, dimensioni variabili, 2011-2015

Goodesign - The natural circle si articola nel dialogo tra natura e tecnologia, con una visione poetica e creativa. La mostra mette in luce buoni esempi per raccontare come il design abbia un ruolo determinante per diffondere modelli e comportamenti positivi: riqualificare in modo eco-compatibile i processi industriali con tecnologie a basso impatto ambientale, introdurre cicli di vita dei prodotti senza generare rifiuti, impiegare materiali e componenti riciclabili, produrre oggetti disassemblabili e durevoli, gestire il riuso.

Signore della muta e della resurrezione, musiciste, creature della terra e dell'aria tipiche del paesaggio mediterraneo e globale, le cicale simboleggiano questo difficile periodo di grandi mutamenti e stasi apparente, generazioni in bilico, moti sotterranei, affioramenti del rimosso. Sanno vivere sottoterra, scavare il proprio percorso nell'oscurità, per poi sbucare alla luce del sole, irrigidire l'esoscheletro esterno, riconfigurare gli organi interni e volare via abbandonando la forma che le ha protette per anni, in vista di nuovi canti d'amore. E' un'adolescenza lunghissima, un ciclo biologico carsico, misconosciuto, spontaneo e misterioso, in cui tempi e attesa si configurano in modo diverso rispetto alla nostra aspettativa e concezione di vita. 

L'opera presenta un accumulo di gabbiette contenenti i resti della muta di questi insetti, quasi un tentativo provvidenzialmente fallito di ingabbiare la Natura, i moti inconsci, il mutamento, la voce del futuro e della poesia.

L'installazione Made of Silk, nata come una galleria di ritratti di farfalle, presenta un volo sospeso fra vita e morte, dove i disegni a biro sono ravvivati da intrecci nervosi di fili di seta dei colori dell'insetto. Non si tratta di un'illustrazione scientifica: le farfalle sono rappresentate nella loro individualità, in posizioni naturali, non schematiche né convenzionali o astratte.